spumante-terre-bianche-torbato-sella-e-mosca-brut
Filieri-rosato-Dorgali_8d21e2abf380a03
Pesce
prenota_new
TOCCA LA FRECCIA
E SCARICA
IL Menù'
Degustazione

Pesce
CENA FERRAGOSTO 2016 JPEG
CENA FERRAGOSTO 2016 2°jpeg
Pizze 2016
PIZZE PER SITOPIZZE PER SITO3PIZZE PER SITO2
2°jpeg CENA FERRAGOSTO PER SITO SMARTPHONE 2016 copia
prenota_new
CENA FERRAGOSTO PER SITO SMARTPHONE JPEG 2016
Pesce

pizza-bari-600x390-600x390.jpeg
o-VACANZE-NATALE-facebook-672x372.jpeg



albero-di-natale-illuminato.jpeg
Nome Azienda

SE VUOI SCRIVI UN COMMENTO QUI SOTTO SOTTO


freccia_verde indietro
IMG_2682

GUARDA QUESTO VIDEO !

03/05/2017, 16:57



I-6-segreti-per-un’ottima-pizza-!!


 i 6 segreti per.....P I Z Z E R I A F L I N S T O N E ’S A P O R T O S A N P A O L O (OT) 0789-40224



RISTORANTE P I Z Z E R I A  LA CA’ DEL BORGO  F L I N S T O N E ’S  
A  P O R T O   S A N   P A O L O   (OT) 0789-40224

Che cosa c’è di più appetitoso di una buona pizza? 
Probabilmente niente a giudicare dalla diffusione delle pizzerie in ogni angolo della terra. ma come si riconosce una buona pizza e, soprattutto, come deve essere fatta? 

Qui sono elencati i 5 elementi fondamentali da considerare per ottenere un buon prodotto.

La farina e il lievito. Il segreto sta nella farina. Il bravo pizzaiolo sceglie la farina (di grano tenero, doppio 0 oppure Integrale) e lascia lievitare l’impasto a seconda del tipo di farina: 6, 12, 24 ore di lievitazione; da questo dipenderà la digeribilità della pizza. 

In effetti a chi non è mai capitato di mangiare una pizza e di aver impiegato ore a togliersi il peso dallo stomaco? 
Se la pizza risulta poco digeribile significa che il processo di maturazione avviato dal lievito è durato troppo poco.

Il forno e la cottura
Il forno deve essere a legna. 
Il forno a legna,richiede competenza e esperienza: basta un secondo in più e la pizza è bruciata!

 Un bravo pizzaiolo conosce il forno e vi distribuisce le pizze con maestria: la nuova pizza pronta da cuocere non deve essere posta nello stesso punto di quella appena sfornata perché lì il forno si sarà raffreddato. Con la pala, le pizze vanno mosse e spostate. 

La temperatura del forno a legna deve essere di 400 gradi costanti.L’acqua deve essere moderatamente dura perché da questo può dipendere la quantità di sale da utilizzare.
I pomodori si devono utilizzare pomodori pelati San Marzano a pezzetti.

La mozzarellaLa mozzarella deve essere "fior di latte", non deve filare tanto e non deve essere troppo umida. L’industria ha messo a punto un tipo di mozzarella, in panetti da 1 chilo, da grattugiare al momento che si adatta alla pizza. 

La qualità della mozzarella gioca un ruolo importante: la necessità che non sia troppo "bagnata" è data pure dal fatto che se si aggiungono altri ingredienti, come il prosciutto, i funghetti o le verdure, l’umidità dell’insieme cresce enormemente e la brevità della cottura non riesce a eliminare questo eccesso di umidità compremettendo la croccantezza della pizza. Se la mozzarella fila troppo è un segno negativo: vuol dire che è stato usato del formaggio fuso.

L’olio naturalmente deve essere extravergine d’oliva e ha una grande importanza sia come condimento in superficie, sia nella preparazione dell’impasto: infatti migliora la consistenza del glutine e, avendo, un "punto di fumo" più alto rispetto agli altri oli, migliora la cottura e non secca la pasta, lasciandola soffice e croccante.La cotturaTre minuti circaIl cornicione (il bordo di pasta che circonda la pizza) Decisamente sì, ci deve essere! 

Bisogna gustare la pasta per apprezzare la qualità della pizza. soffice e croccante allo stesso tempo.
Il diametro
La misura standard oggi si aggira sui 33 cm. Ma, ovviamente non è detto che una pizza più grande sia necessariamente più buona.

VI ASPETTIAMO PER ASSAGGIARE LA NOSTRA !

Massimiliano Maura
www.ristoranteflinstone.com

12/04/2017, 12:47



15-Cose-da-Sacrificare-per-Essere-Felice!---


  Si tratta di 15 abitudini, pensieri o azioni che ci impediscono di essere felici.




15 Cose da Sacrificare per EsserenFelice!


 Si tratta di 15 abitudini, pensieri o azioni che ci impediscono di essere felici.

Ecco una lista di 15 cosensenza le quali la tua vita diventerà molto più semplice e soprattutto più infelice.

Troppo spesso la nostra vita si cristallizza intorno ad abitudini

che non ci provocano altro che stress, dolore e sofferenza.

E invece di lasciarle andarene permetterci di essere più sereni,

ci aggrappiamo ad esse con tutte le nostrenforze. 

Bè, non più!

A partire da oggi abbandoneremo tutto quello che non ci serve e abbracceremo insieme il cambiamento. 


Pronti? Si parte! 


1.   

Lascia andare il bisogno di avere sempre ragione.

Siamo in così tanti a non sopportare l’idea di avere torto.

Anche a costo di distruggere grandi amicizie o rapporti

e causare grosso dolore a noi e agli altri.

Non ne vale la pena. Punto!

La prossima volta che senti l’urgenza di tuffarti in una zuffa su

chi ha torto o ragione, chiediti quello che Dr Wayne Dyer suggerisce:

"Preferisci aver ragione a tutti i costi...oppure essere felice?"

Che differenza farà davvero alla fine? 

Il tuo ego è davvero così grande?


 N°2

Lascia andare il bisogno di avere tutto sotto controllo.

Accetta di non ascoltare il tuo bisogno

di essere sempre in controllo di situazioni, persone, ecc.

Che si tratti di amici, familiari conoscenti o passanti

che incontri per strada, lasciali vivere.

Permetti a ciascuno intorno a te di rivelarsi per quello che è

e vedrai quanto ti sentirai meglio quasi istantaneamente.

"Lasciando andare, si ottiene tutto. 

Il vero vincitore è chi lascia andare." Lao Tzun  


N°3

Lascia andare il bisogno di trovare un colpevole 

Smettila di considerare altre persone o circostanze i responsabili

di quello che hai e noi hai, di come ti senti o non ti senti.

Smetti di diluire il tuo potere e comincia ad assumerti la r

esponsabilità della tua vita. 


N°4

Lascia andare quelle controproducenti chiacchiere mentali. 

Quante persone continuano a farsi del male con la loro spirale

di pensieri negativi e controproducenti.

Non credere a tutto quello che la tua mente ti dice

specialmente se è qualcosa di negativo e controproducente.

Tu sei molto meglio di così. Credimi!

"La mente è uno strumento superbo, se usato correttamente.

Usato male, tuttavia, può avere effetti distruttivi."  Eckhart Tollen 


N°5

Lascia andare le tue credenze limitanti.

Su quello che puoi o non puoi fare, su quello che credi sia possibile

o impossibile.

D’ora in poi, non permetterai più ai tuoi pensieri limitanti

di bloccarti nel posto sbagliato.

Apri le tue ali e vola!

"Una credenza non è un’idea trattenuta nella mente,

è un’idea che trattiene la mente. " EllynRosellenn  


N°6

Smettila di lamentarti.

Abbandona una volta per tutte il continuo bisogno di lamentarti

per tutte quelle cose, persone,situazioni e circostanze

che ti rendono infelice, triste e depresso.

Nessuno ha il potere di renderti infelice a meno che tu non glielo permetti.

Non è la situazione a scatenare quella sensazione in te,

ma è come tu decidi di guardarla.

Non sottovalutare mai il potere del pensiero positivo! 


N°7

Lascianandare il lusso di criticare.

Lascia andare il bisogno di criticare cose, eventi persone che sono diverse da te o da come te lenaspettavi.

Siamo tutti diversi, eppure siamo anche tutti uguali.

Tutti vogliamo essere felici.

Tutti vogliamo amare ed essere amati, e tutti vogliamo essere compresi.

Tutti desideriamo qualcosa e quel qualcosa è desiderato da noi tutti.


N°8

Lascianandare il bisogno di impressionare gli altri.

Smettila di tentare così disperatamente di sembrare qualcuno che non sei

solo per piacere agi altri.

Non funziona così

Nel momento in cui ti spogli di tutte le maschere,

il momento in cui accetti il vero te,

ti accorgerai che le persone saranno attratte a te senza nessuna fatica.


N°9

Lascianandare la tua resistenza al cambiamento.

Il cambiamento è buono.

Il cambiamento ti aiuterà a muoverti dal punto A a punto B.

Il cambiamento ti aiuterà a migliorare la tua vita

e anche quella di chi ti circonda.

Segui ciò che ti rende felice, abbraccia il cambiamento, non resistergli.

"Segui ciò che ti rende felice e l’universo aprirà porte per te

dove c’erano solo muri. "


JosephnCampbellnn  


N°10  

Lascianandare le etichette.

Smettila di incollare etichette a cose, persone o situazioni

che non comprendi in quanto diverse o strane e prova ad aprire la tua mente,

a poco a poco.

 La mente funziona solo quando è aperta.

"La forma più alta di ignoranza si ha quando rifiuti qualcosa

solo perché non la conosci affatto."

Dr. Wayne Dyern 


N°11

Abbandona le tue paure.

La paura è solo un’illusione. Non esiste è creata da te.

Nella tua mente.

Aggiusta l’interno e l’esterno si aggiusterò da sé.

"L’unica cosa che dobbiamo temere, è la paura stessa."

Franklin D. Roosevelt


N°12

Lascia andare le scuse. 

Invitale a fare i bagagli e dì loro che sono licenziate!

Non hai più bisogno di loro.

Troppo spesso ci limitiamo a causa delle scuse che produciamo.

Invece di crescere e sforzarci di migliorare noi stessi e la nostra vita,

restiamo bloccati e mentiamo a noi stessi,

usando tutte le scuse possibili e immaginabili...... scuse che il 99.9%

delle volte non sono nemmeno reali. 


N°13

Lascia andare il passato. 

Lo so, lo so. Questo non è facile.

Specialmente quando il passato appare molto più sicuro

e confortevole del presente, mentre il futuro sembra così spaventoso.

Ma quello che devi sforzarti di pensare è che il momento presente

è tutto ciò che hai e che avrai sempre.

Il passato che tanto desideri  quel passato che adesso continui a sognare

è stato da te ignorato quando era presente.

Smettila di ingannarti.

Sii presente in ogni singolo momento della tua vita.

Dopo tutto la vita è un viaggio non una destinazione.

Abbi una visione chiara del futuro,

sii pronto, ma sii anche sempre presente nel momento che stai vivendo.


N°14

Lascia andare l’attaccamento.

Questo concetto è uno dei più difficile da afferrare per la maggior parte di noi,

e devo ammettere che lo è stato anche per me (lo è ancora, per la verità).

Ma comprenderlo non è impossibile. 

Migliorerai gradualmente con il tempo e la pratica.

Il momento in cui ti separi da tutte le cose,

diventi così sereno, così tollerante, così gentile e così tranquillo. 

Il che non significa che smetti di amarle,

perché amore e attaccamento non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro.

L’attaccamento nasce dalla paura, mentre l’amore...

il vero amore è puro, gentile, e generoso;

dove c’è amore non può esserci paura e alla luce di questo,

amore e paura non possono coesistere

Raggiungerai un luogo da dove sarai in grado di comprendere tutto

senza nemmeno provarci.

Uno stadio che va ben oltre le parole.


n°15

Smettila di vivere una vita all’altezza delle aspettative degli altri.

Troppe persone vivono una vita che non appartiene loro. 

Vivono la propria vita sulla base di cosa gli altri pensano sia meglio per loro. Ignorano la loro voce interiore.

Sono così occupati ad accontentare tutti che perdono controllo

sulle loro stesse vite.

Dimenticano che cosa li rende felici,

di che cosa hanno bisogno ed eventualmente..

di sé stessi.

Ricorda che hai una sola vita da vivere:

quella che stai vivendo in questo momento.

Vivila! Possiedila!

E specialmente non lasciare che altrui opinioni ti distraggano dal tuo percorso.

Se ti è piaciuto questo articolo metti mi piace sulla nostra pagina facebook e continua a seguirci!


https://www.facebook.com/LaCaDelBorgo/?ref=bookmarks


Questo articolo è stato scritto da Dana.

10/04/2017, 14:56



Conti-separati-alle-cene-...


 Ragazzi io capisco tutto, la crisi ecc...ecc...



Ragazzi io capisco tutto, la crisi’ ecc...ecc... ma c’è una cosa che non posso sopportare e sono le collette a fine cena/pranzo. 

Penso che sia la cosa più svilente del mondo. 

Fare l’elemosina per strada, se non si ha di che sostentarsi, è 100 volte più dignitoso.

Fate una figura indegna di essere vissuta a più livelli:- con il ristoratore (che poraccio si deve pure sorbire la rottura di coglioni di darvi spicci di resto uno per uno, a uno la carta, a uno i contanti... va bene che il cliente è re ma non rompete il cazzo a chi lavora con cose stupide essù.

Al ristoratore e al suo ristorante. 
Un ristorante dove la gente "fa colletta" vede rovinata la sua immagine a meno che non sia una bettola.- sembrate dei barboni a tutti gli altri sconosciuti presenti nel ristorante, a meno che non siano barboni come voi.

Sembrate dei barboni tra di voi, se avete più di 18 anni, fate la figura di quelli che non si fidano dei propri commensali (nel caso vogliate farvi dare i soldi dopo) e/o che una cena in meno sul vostro conto corrente sia una cosa insuperabile.

La vostra donna pensa (giustamente) che siate un barbone o che frequentiate barboni. L’ultima volta che sono stato invitato ad una cena e ho visto gli organizzatori cominciare a fare colletta, per la vergogna di stare in piedi in mezzo al locale mentre tutti guardavano sta raccolta di spicci sono andato a pagare io per tutti per la disperazione.

A casa mia, nella mia famiglia, si litiga da sempre per chi paga e chi non si deve permettere manco di fare il gesto, e non è una questione di ricchezza (che non ne abbiam mai avuta tanta). 

E’ una questione di stare al mondo con signorilità. 

Se non avete denaro a sufficienza per potervi permettere di frequentare persone e offrire cene una volta a testa, state a casa o andate a mangiarvi la pizza da soli.

Se vi dà fastidio offrire la cena, vuol dire che state uscendo con le persone sbagliate. Fine.

Uscite con persone con le quali avete piacere a fare un bel gesto disinteressato e di normale buona educazione, certi che verrà ricambiato.



134
Create a website